Fortitudo Baseball Bologna

Questo sito utilizza i cookie!

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso. Per saperne di piu'

Approvo
È scomparso Rino Zangheri, ex Presidente del Rimini. Il cordoglio della Fortitudo Baseball Il Presidente Stefano Michelini e tutta la Fortitudo Baseball si stringono intorno alla famiglia Zangheri, per la perdita di Rino, indimenticato Presidente del Rimini Baseball e avversario in tante sfide.   Nella foto, un primo piano di Rino Z... LEGGI TUTTO
Iniziata la stagione 2019 della Fortitudo Baseball La stagione 2019 della Fortitudo Baseball è ufficialmente iniziata nella giornata di sabato 2 febbraio. A Casteldebole, I giocatori convocati si sono radunati agli ordini del manager Daniele Frignani intorno alle ore 11 e, dopo il discorso di inizio... LEGGI TUTTO
Sabato 2 febbraio inizia la stagione della Fortitudo Baseball con il primo allenamento del 2019 La stagione 2019 della Fortitudo Baseball inizia sabato 2 febbraio con il tradizionale raduno presso il Campo Leoni di Casteldebole. Alle ore 11.00, il manager Daniele Frignani effettuerà infatti il primo allenamento della stagione insieme a gran pa... LEGGI TUTTO
L'olandese Jarreau Martina in biancoblu La UnipolSai Fortitudo si è assicurata le prestazioni del giocatore olandese Jarreau Martina, un ricevitore che può ricoprire anche il ruolo di esterno, con la caratteristica insolita per un catcher di essere molto veloce, come dimostrano le 20 bas... LEGGI TUTTO

In primo piano

Scopri tutte le foto della stagione 2013 della Fortitudo Unipol Bologna: clicca QUI

Fortitudo Baseball Club 1953 Bologna

La stoccata di "Peppe" mantiene imbattuta l'UnipolSai

marval at rsmUn solo lampo nei quattro turni da battitore designato, ma quello decisivo nel momento più caldo del match: è stato il doppio piazzato in mezzo agli esterni di Giuseppe Mazzanti, che ha mandato a punto i compagni Nosti (singolo) e Marval (base intenzionale) al sesto inning, in situazione di due eliminati, ribaltando il risultato che diceva 1 a 0 per i titani e anche la gara sin qua radente la perfezione di un ottimo comunque Carlos Quevedo, lanciatore partente dei padroni di casa. Alla fine la UnipolSai Assicurazioni Fortitudo Bologna ha portato a casa, con il risultato di 3 a 2, la sua diciassettesima vittoria consecutiva, espugnando lo stadio di Serravalle, campo di casa della T&A San Marino, che ora vede davvero allontanarsi i playoff.

La squadra felsinea conserva invece tre importanti lunghezze in classifica, sin qua letteralmente “dominata” con 21 vittorie e una sola sconfitta, sul Rimini, unica inseguitrice che può raggiungerla almeno sulla carta dopo le sei gare che rimangono, dopo la lunga sosta, per concludere la regular season.

Dunque il partente della T&A in pochi minuti si è trasformato da “man of the match”, in un “pitching duel” tiratissimo e da playoff, a lanciatore perdente, consegnando all’omone bolognese, Raul Rivero (5 IP, 4 H, 1 BB, 7 K, 1 ER), il suo ottavo sigillo personale di questa stagione ancora priva di sconfitte in campionato. I padroni di casa avevano sorpreso un po’ “a freddo” il partente biancoblu con due valide in sequenza, sufficienti a produrre il punto del vantaggio al primo inning: un doppio di Ferrini e un singolo di De Wolf. Su questo minimo vantaggio la gara si è svolta sotto il controllo dei due lanciatori proprio fino al sesto inning, con il solo Osman Marval (2 su 3 e una base ball) a battere valido per Bologna nelle prime cinque riprese.

Con l’ingresso dei rilievi la situazione è leggermente mutata, senza modificare tuttavia l’equilibrio del punteggio a favore biancoblu, seppur di stretta misura. Nella seconda parte del sesto inning è entrato in scena Antonio Noguera, che ha tirato due riprese concedendo due valide e una base ball, soffrendo soprattutto al sesto, aperto dalle valide in sequenza di Bermudez e Colabello, in parte vanificate dalla battuta in doppio gioco di Reginato. Nel frattempo, al settimo inning, sfruttando anche un errore della difesa, i biancoblu hanno costruito il terzo punto sul neo entrato Perez, segnato da capitan Vaglio, in base su errore di Babini, in seconda sull’ennesima rubata di questo torneo e a punto sulla valida a destra di Beau Maggi.

Brividi finali per la salvezza “tirata” conquistata da Murilo Gouvea, chiamato in pedana a lanciare l’ottavo e il nono inning. Il closer italo brasiliano ha mostrato ancora una volta sangue freddo, ma ha tremato assieme a tutti gli appassionati biancoblu per le uniche due valide concesse, entrambe pesanti: all’ottavo inning la lunga battuta di Mattia Reginato, un ex, è finita fuori dal campo, riportando la T&A sul meno uno, mentre al nono il doppio di Pulzetti, con un solo out del tabellone, ha fatto sudare freddo in tribuna nella parte bolognese, ma l’interbase dei titani si è fermato a 27 metri dal pareggio, dopo le grounder di Avagnina e Ferrini.

Insomma, la Fortitudo UnipolSai non perde più e si dimostra ancora una volta una squadra presente dal primo all’ultimo lancio dell’incontro, capace di portare a casa una gara nella quale è stata messa sotto nel computo delle valide (5 a 8), subendo pure un fuoricampo.

Il Tabellino

 

(Osman Marval fra i più positivi in attacco, foto di Lorenzo Bellocchio)

Sostenitori

Seguici su

  RadioNettunoPicc                                    Il logo di TRC TV                                                                          

Fan-Shop

FanShop
 

Cerca nel sito

Baseball.it rss